“Bando Faber” per le imprese artigiane che ottimizzano processi produttivi

Con decreto n. 1974 del 18 febbraio u.s. Regione Lombardia ha approvato il bando “FABER – “Contributi per investimenti finalizzati all’ottimizzazione e all’innovazione dei processi produttivi delle MPI manifatturiere, edili e dell’artigianato”.

Con una dotazione finanziaria di 6 milioni di Euro, con il presente provvedimento si intende sostenere la realizzazione di investimenti produttivi, incluso l’acquisto di impianti e macchinari inseriti in adeguati programmi di investimento aziendali volti a:

– ripristinare le condizioni ottimali di produzione;

– massimizzare l’efficienza nell’utilizzo di fattori produttivi, quali l’energia e l’acqua;

– ottimizzare la produzione e gestione dei rifiuti favorendo la chiusura del ciclo dei materiali.

Beneficiano dell’iniziativa le MPI, aventi sede operativa o unità locale in Lombardia, appartenenti alle seguenti categorie d’impresa:

imprese artigiane iscritte alla sezione speciale del Registro Imprese delle CCIAA Lombarde, escluse quelle aventi codice Ateco, sezione A (agricoltura, silvicoltura e pesca) ad eccezione di quelle agromeccaniche (Codice Ateco 01.61.00) iscritte all’Albo delle imprese agromeccaniche di Regione Lombardia;

imprese manifatturiere Codice Ateco 2007, Sezione C;

imprese edili Codice Ateco 2007, Sezione F.

Ogni impresa potrà presentare una sola domanda.

Sono ammesse a finanziamento le attività di progetto realizzate dal 04 gennaio 2019, data di pubblicazione del decreto di approvazione criteri, ed entro e non oltre il 18 dicembre 2019, termine ultimo per la quietanza dei giustificativi di spesa.

L’agevolazione consiste in un contributo a fondo perduto, concesso in regime “de minimis”, pari al 40%delle spese ammissibili, nella misura massima di € 30.000,00 e con investimento minimo fissato in € 15.000,00. L’agevolazione verrà erogata in un’unica soluzione, a conclusione dell’intervento e previa presentazione della documentazione di rendicontazione.

Sono ammesse a finanziamento le spese relative all’acquisto e relativa installazione di:

a) macchinari, impianti e attrezzature strettamente funzionali alla realizzazione del programma di investimento e finalizzati agli investimenti ammissibili;

b) macchine operatrici come definite all’art. 58 del D.lgs. 285/1992 “Nuovo codice della strada”;

c) hardware e software e licenze correlati all’utilizzo dei beni materiali di cui alla lettera a);

d) opere murarie connesse all’installazione dei beni materiali di cui alla lettera a), nella misura massima del 50% delle spese ammissibili di cui alla lettera a).

Le domande di contributo dovranno essere presentate esclusivamente per il tramite della procedura informatica accessibile dalla piattaforma regionale https://www.bandi.servizirl.it, a partire dal 05 marzo 2019 (ore 12.00) ed entro e non oltre il 10 aprile 2019 (ore 12.00).

L’istruttoria delle domande, che avverrà secondo una procedura valutativa “a sportello”, in base all’ordine cronologico di invio, sarà articolata in n. 2 fasi:

– istruttoria formale, finalizzata a verificare la sussistenza dei requisiti di ammissibilità dei soggetti richiedenti, nonché la completezza e la correttezza della domanda. Tale fase dovrà essere realizzata entro 45 giorni dall’invio della domanda;

– istruttoria tecnica, effettuata sulla base dei criteri di valutazione previsti dal bando; sono ammesse, in base all’ordine cronologico di presentazione, le domande che abbiano ottenuto punteggio compreso tra 40 e 100 punti. Tale fase dovrà essere realizzata entro 45 giorni dalla conclusione dell’istruttoria formale.

Per approfondimenti si rimanda al decreto e relativi allegati accessibili al link; l’Ufficio Categorie rimane a disposizione per i chiarimenti del caso.

Related Posts