Battaglia vinta da Confartigianato: stop al Sistri!

E’ con viva soddisfazione che Confartigianato saluta l’esito della battaglia da tempo combattuta con il Ministero per l’abolizione del Sistri! Il Consiglio dei Ministri, infatti, il 12 dicembre ha approvato il Decreto Semplificazioni che  prevede l’abrogazione definitiva del SISTRI (sistema di tracciabilità telematico dei rifiuti) a partire dal 1° gennaio 2019 .    Dopo nove anni è la fine di un incubo per  migliaia di nostre imprese; il SISTRI non ha mai funzionato, tra infinite polemiche e un’inchiesta giudiziaria sulla società che avrebbe dovuto gestire il tutto.

La definitiva soppressione del SISTRI comporterà di conseguenza che dal gennaio 2019 non saranno pertanto dovuti i contributi previsti dalla legge.

Oltre alla soddisfazione di “ mandare in pensione” un sistema che non ha mai funzionato, e che per anni ha gravato sulle imprese, Confartigianato  si è già impegnata insieme ad altre principali Associazioni  nella definizione di un nuovo sistema di digitalizzazione  di tutti gli adempimenti cartacei sui rifiuti  che sostituisca e superi il SISTRI.  Già il prossimo 20 dicembre Confartigianato sarà al tavolo dell’Albo Gestori Ambientali, istituito presso il Ministero dell’Ambiente, per presentare le proposte per l’implementazione del nuovo sistema.

Fino alla definizione ed alla piena operatività di questo nuovo sistema , i soggetti obbligati continueranno ad effettuare gli adempimenti cartacei, compilando registri di carico e scarico rifiuti e i formulari di identificazione.

L’ufficio Ambiente e Sicurezza rimane a disposizione delle imprese per i chiarimenti del caso.

Related Posts