Confartigianato sul Corriere della Sera: ‘I 10 punti deboli dell’Italia’

Dal fisco alla burocrazia, dalle infrastrutture ai tempi di pagamento, fino al costo dei servizi pubblici. Confartigianato, nella settimana dell’Assemblea nazionale, denuncia i mali storici dell’Italia e gli eterni nemici degli imprenditori. E il ‘Corriere della Sera’ rilancia la battaglia della Confederazione in un servizio firmato da Sergio Rizzo sulle 10 debolezze che frenano la crescita del Paese.

Le rilevazioni dell’Ufficio studi di Confartigianato mettono in evidenza inefficienze, ritardi, costi del sistema Paese che bloccano la competitività delle nostre imprese. “E così – sottolinea il Presidente Giorgio Merletti – la vita degli imprenditori è ancora un percorso a ostacoli”. In particolare sul fronte della burocrazia, il Presidente Merletti sostiene che “la battaglia per semplificare gli adempimenti amministrativi non si vince insistendo a fare norme di semplificazione che poi rimangono sulla carta. Con il risultato che gli imprenditori continuano ad essere perseguitati dalle ‘carte’. Bisogna semplificare la semplificazione. Significa attuare le leggi che esistono già, eliminare quelle inutili, superare la frammentazione di competenze e di responsabilità sulla materia e fidarsi un po’ di più dei “pericolosi’ imprenditori”.

Clicca QUI per leggere il servizio sul ‘Corriere della Sera’