Fattura elettronica: dal 1° gennaio acquisti con fatture elettroniche per 3,4 milioni di imprese

Come noto, dal 1° gennaio 2019 è scattato l’obbligo di fatturazione elettronica introdotto con la manovra di bilancio del 2018, la misura, sulla base della relazione tecnica al provvedimento dovrebbe garantire un recupero di gettito di 1,7 miliardi di euro nel 2019 che saliranno a 2,4 miliardi nel 2020.

Le imprese e i lavoratori autonomi che sono interessati dal ciclo passivoe che riceveranno fatture elettroniche, sono stimabili in circa 3,4 milioni, pari al 69,4% di questa tipologia di contribuenti. Dai 4,9 milioni di contribuenti IVA vanno esclusi, infatti, i soggetti in regime forfetario e di vantaggio che si valutano pari ad oltre 900 mila contribuenti. A questi si potranno aggiungere, sulla base delle stime disponibili, poco meno di 600 mila contribuenti persone fisiche con meno di 65 mila euro di ricavi che potenzialmente entreranno nel modificato regime forfetario.

Sul fronte della emissione delle fatture elettronichela platea delle imprese interessate dall’obbligo nel 2019 si riduce; oltre che dei già menzionati soggetti in regime forfetario e di vantaggio va considerato che circa un milione di soggetti già emettono fatture elettroniche nei confronti della PA e che 1,7 milioni di soggetti emettono solo scontrini e ricevute.

Va ricordato che, a seguito dell’obbligo di invio delle fatture elettroniche alla Pubblica amministrazione, nell’ultimo confronto internazionaledisponibile la quota di imprese che emettono fatture elettroniche in Italia è del 30%, quasi il doppio della media UE del 18%.

In relazione all’introduzione della fatturazione elettronica Confartigianato, nel corso del 2018, ha svolto una triplice azione. La prima, nei confronti di Governo e Parlamentoper far introdurre norme tese a semplificare il processo di fatturazione elettronica e a far si che non siano applicabili sanzioni nella fase di avvio (quindi per tutto il 2019) nel caso in cui il comportamento non determini un danno per l’erario. Richieste, in parte, accolte con l’emanazione D.L. n. 119 del 2018 convertito in legge n. 136 del 2018. Un secondo filone di interventi è stato portato avanti nei confronti dell’Agenzia delle entrate, gestore dell’infrastruttura che governa il processo della fatturazione elettronica, finalizzato ad ottenere i necessari chiarimenti e a far adattare il processo alle esigenze delle piccole imprese non dotate, in massima parte, di un ufficio amministrativo e che, quindi, delegano gli adempimenti fiscali ad intermediari fiscali di propria fiducia. La terza linea di intervento è stata nei confronti delle imprese associateper metterle in grado, con il supporto delle strutture territoriali di Confartigianato, di arrivare preparate al nuovo appuntamento.

PLATEA IMPRESE E LAVORATORI AUTONOMI CHE GESTISCONO ACQUISTI CON FATTURA ELETTRONICA DA 1.1.2019

Anno 2017 – milioni di contribuenti IVA – Elaborazione Ufficio Studi e Direzione Politiche fiscali Confartigianato su dati MEF, Banca d’Italia e RT DL 118/2018

IMPRESE CHE INVIANO FATTURE ELETTRONICHE AD ALTRE IMPRESE E/O P.A. NEI PAESI DELL’UE

Anni 2016. % sul totale imprese 10 addetti ed oltre – Elaborazione Ufficio Studi Confartigianato su dati Commissione europea